domenica, novembre 23, 2008

Modena by day

Forse non ignorate che la Ghirlandina, il meraviglioso campanile modenese che tutto il mondo ma soprattutto i bolognesi c'invidiano, a causa di un restauro è ricoperta ormai da un anno da un'opera d'arte di Domenico Paladino.

L'opera d'arte si sostanzia in un telo che copre le impalcature. Il telo in tre mesi è diventato grigio piombo (cosa che anche un bambino avrebbe potuto immaginare [UPDATE: ma Cragno no]), però non è che le impalcature sottostanti sarebbero molto più gradevoli all'occhio, eh.

Sulla Ghirlandina, qualche anno fa, era stata piazzata una webcam. Anche questo non è uno scoop.
La cosa curiosa è che nessuno l'ha mai staccata. E' ancora lì.  E bisogna dire che il panorama di Piazza Grande che trasmette in una bella mattinata novembrina di sole è molto suggestivo.


6 commenti:

  1. Meglio le impalcature
    Meglio le impalcature
    Meglio le impalcature
    Meglio le impalcature.

    RispondiElimina
  2. Eh? Non ho capito. Puoi essere più chiaro?

    (E comunque le impalcature sono senz'altro il meglio della foto).

    RispondiElimina
  3. Ora ci penserà il supermegadirettore Mario Resca a sistemare le cose... poveri noi...
    http://www.beniculturali.it/sala/dettaglio-comunicato.asp?nd=ss,cs&Id=2865

    RispondiElimina
  4. il fatto che sia diventato grigio piombo in pochi mesi in una zona a traffico super limitato io non lo davo per scontato e mi sembra abbastanza preoccupante

    a parte questo l'idea non era male e le polemiche mi sono sembrate veramente fuori misura

    RispondiElimina
  5. Cragno, però lo sai che l'aria è mobile, e che insomma il piombo degli scappamenti in tangenziale non si ferma mica perché vede il cartello ZTL.

    RispondiElimina
  6. mmmh.. sempre più preoccupante...

    RispondiElimina