sabato, marzo 10, 2012

TAV - Gli antefatti / l'inquinamento mafioso

La mafia in Val di Susa è una presenza storica e continua: il primo articolo sulla Stampa compare nel 1971, la commissione Antimafia arriva nel 1973, il consiglio comunale di Bardonecchia sarà sciolto per infiltrazioni mafiose, unico caso nel nord Italia, nel 1995.

Non è una mafia da colletti bianchi, come di solito si dice della mafia al nord: è una mafia che aggredisce fisicamente, minaccia, intimidisce, uccide, sequestra, mette bombe. Poi traffica, presta soldi e costruisce: negli anni ’60 e ‘70 soprattutto case e il traforo del Frejus.

Tra il 1971 e il 1995 su La Stampa e Stampa Sera compaiono 50 articoli a tema mafia in Val Susa. L’unico a sostenere, ancora nel 1991, che “Qui da noi la mafia non esiste” pare fosse l’attuale vice presidente dei deputati PdL Osvaldo Napoli (La Stampa 11/06/1991 “L’ex consigliere spacciava droga”)














La Stampa 10/09/1971















La Stampa 01/10/1971











La Stampa 02/10/1971















La Stampa 16/10/1971









La Stampa 06/05/1973













La Stampa 31/05/1973















La Stampa 02/08/1973














La Stampa 26/03/1974













La Stampa 03/04/1974










La Stampa 23/04/1974












La Stampa 08/02/1975











La Stampa 20/10/1975








La Stampa 21/02/1976









Stampa Sera 05/07/1978















Stampa Sera 21/01/1983














La Stampa 26/11/1987












La Stampa 28/01/1989














La Stampa 16/06/1989









La Stampa 04/07/1991













La Stampa 05/10/1994














La Stampa 29/04/1995













La Stampa 14/11/1995

Reazioni:

1 commento:

  1. Complimenti, decisamente le trasferte mafiose sono ben più datate di quanto immaginiamo.

    RispondiElimina