domenica, ottobre 17, 2010

Conosci i tuoi radicalscicchi


Test (facile): secondo voi chi può scriverla una cosa così? 

14 commenti:

  1. @riotta? Giuro non guardo
    m

    RispondiElimina
  2. Su, coraggio, chi è che ascoltando in tv un'operaia di Faenza può pensare a sé stesso seduto su una panchina di Battery Park nel 1984 e scrivere 'anch'io sono stato disoccupato e senza identità'?

    RispondiElimina
  3. Uolter, ovvio ;)

    eli.

    RispondiElimina
  4. però uolter, da membro del pci, nel 1984 non avrebbe potuto mettere piede negli usa. o sbaglio?
    alain elkann?

    RispondiElimina
  5. "piste cita mio tweet, ricordi New York. Il mondo l'ho detto avanti, ora l'Italia. Santoro."

    Gianni! Gianni! Gianni!

    RispondiElimina
  6. avevo pensato a luca sofri.
    secondo me ci sta. lui ha fatto tutto.

    RispondiElimina
  7. no, sì, era Riot Boy, solo sulla panchina niuiorchese come un'operaia cinquantenne faventina.

    RispondiElimina
  8. http://twitter.com/#!/riotta

    questa ragazzi è l'intellighenzia a cui si affida la classe dirigente italiana

    RispondiElimina
  9. Che mancanza di tatto, di rispetto, di capacitá di comprensione. Che brutto vizio quello di voler giudicare gli altri secondo le proprie esperienze e secondo la propria maniera di affrontare la vita e le cose, senza fare alcuno sforzo per mettersi nei classici "panni altrui".
    Se io emigro in Inghilterra, giovane, laureato e pieno di ottimismo e belle speranze, perché non lo puó fare, magari, anche il mio papá, una vita in fabbrica, licenziato, che non ha mai messo il naso fuori della sua regione...

    (meno male che è solo fiction)

    RispondiElimina
  10. Scatta il meme del boy sulla panchina!!!
    NF

    RispondiElimina
  11. Ricorda la finezza dei manifesti del Berlusca di qualche anno fa: il "presidente operaio". Aspettando "un presidente disoccupato" che faccia strage di voti in primavera, anche questa non è mica male.

    La similitudine, per quanto commovente, crolla però di fronte all'evidente conclusione che tra i giornalisti ha sicuramente più identità uno disoccupato (come quello calabrese licenziato dal giornale di Sansonetti) che tanti direttori di giornale e di TG.

    RispondiElimina