giovedì, giugno 15, 2006

2 commenti:

  1. In realtà, mi pare che il cimitero fosse a mezza costa (per dire, noi abitavamo più in alto).
    Però sulla panchina del sentiero per il cimitero, vicino al ripetitore, risalendo all'ora di cena ci si fermava sempre a tirare fiato e ad aprire un paio delle birre comprate giù al negozio.
    Fu un'estate strana, piena di momenti bellissimi, sgomenti e noia.
    Ti ricordi, anche quando arrivammo noi, trovammo un morto - seppure solo evocato - ad accoglierci. Il signore che ci aveva affittato la casa.

    RispondiElimina
  2. Secondo me Dante c'è stato e si è ispirato per il Purgatorio.

    Comunque, sul piano meramente intellettuale, sto ancora vivendo di rendita dei libri che ho letto in quel periodo.

    (E il tizio bendato sul motoscafo che viene scortato alla supervilla abusiva?)

    RispondiElimina