martedì, giugno 14, 2005

Buonanotte

Più o meno a mezzanotte hanno cominciato a sparare i fuochi d’artificio. Li sentivo dalla finestra, mentre provavo a prendere sonno. Sono quelli della parrocchia del paese a due chilometri dal mio. Sentivo i botti che facevano sbandare i vetri e tenevo la testa sotto al cuscino.

Nella mia provincia il santo patrono è sempre lo stesso, in quindici paesi diversi che festeggiano in quindici giorni diversi dell’anno. Non ho potuto fare a meno di pensare che nell’euforia dei fuochi, nella bacheca della chiesa, brillassero ancora i manifesti della campagna referendaria.

Mentre mi rigiravo nel letto ho immaginato tutti questi signori con il maglione al collo, la curva degli occhi piena di colori e un figlio piccolo al quale sorridere perché non si metta paura.

La prossima settimana al mio paese si festeggia il santo patrono del paese che lo festeggiava ieri sera. Può anche darsi che protegga davvero gli abitanti di tutti i paesi che lo festeggiano, ma a me la cosa convince poco.

Mi sono immaginato i figli dei signori col maglione al collo che un giorno diventeranno grandi. Me li sono immaginati con una moglie che non rimane incinta neanche con l’idrante.

4 commenti:

  1. dai, adotteranno tanti negretti.

    (ma sei ingiusto, siamo una delle poche province col quorum credo)

    RispondiElimina
  2. no leonardo, nessuna provincia ha fatto il quorum.
    e tra le nessuna, strano a dirsi, anche modena è compresa.

    lo ha superato solo qualche comune, il che mi fa rivalutare ampiamente il compagno stalin e la sua grande intuizione: socialismo in un solo paese, nonantola.

    RispondiElimina
  3. vogliamo concentrarci sulla questione dell'idrante un momentino...?

    RispondiElimina
  4. a Carpi il quorum ci è stato

    RispondiElimina